C'era una volta Babbo Natale

Vedi tutti i post di Luca Borsoni 30/11/2018

Luca Borsoni

C’era una volta Babbo Natale.
Un ragazzotto un po’ sovrappeso dalle pomelle rosse, capace di esaudire ogni desiderio - anche il più ardito - a patto di essere stati buoni e ubbidienti.
Archetipo inconfondibile del più efficace e ben riuscito Personal Branding, il buon Babbo Natale, così come lo conosciamo noi, ha avuto luce nel 1931, quando il gigante di Atlanta decise di legare a doppio filo la propria strategia di posizionamento all’essere buoni, bravi e felici: prese il vecchio Santa Claus (bianco e verde), gli diede una secchiata di colore (rosso ovviamente), e regalò a tutti noi un’infanzia felice e spensierata. Insomma grazie mamma Coca Cola.

C’era una volta Babbo Natale.
Un concentrato di storytelling, di analisi di mercato, di product placement, di gestione del brand e di logistica impeccabile - provate a chiedere ad Amazon di consegnare 6 miliardi di regali in una notte.. - Babbo ha costruito il suo mito non solo attraverso le affiche pubblicitarie per quasi un secolo, ma anche e soprattutto grazie all’impegno degli studios americani che ci hanno deliziato con infinite storie sul mito del signore vestito di rosso che rende magiche le nostre vacanze sotto la neve.
Fate una prova: digitate su wikipedia “film su Babbo Natale” e vi uscirà il risultato sconvolgente di 1030 pagine dedicate.
Non è un mistero che da quando siamo bambini passiamo le vacanze a guardare film con Rudolph protagonista e sogniamo di attraversare il mondo su una slitta trainata da lui.
Insomma grazie mamma Hollywood.


C’era una volta Babbo Natale.

Secondo Brand Finance il Brand “Babbo Natale” vale circa 1,6 trilioni di dollari - per capirci il Brand Apple vale solo 87,3 miliardi - non ho fatto la ricerca correlata, ma potrebbe persino risultare che è il Brand col maggior valore al mondo.
O almeno a noi piace pensarlo, ci piace immaginare che il vero grande re della comunicazione mondiale sia lui.
Perchè?
Perché viene dal basso, davvero.
Nel senso che non è proprietà di nessuno e al contempo è un po’ di tutti.
Non è stato reso grande da Coca Cola o da tutti gli altri milioni di prodotti che lo hanno usato, è stato reso grande da noi, dal nostro desiderio di pensare che l’essere bravi e buoni meriti una ricompensa e un riconoscimento.

C’era una volta Babbo Natale.

Chiudi gli occhi, apri gli occhi, i regali sono proprio lì, sotto l’albero.
è Magia.
C’era una volta Babbo Natale e c’è ancora.
PastedGraphic-1.jpg

ALTRI POST DAL BLOG

Il lato umano della Digital Transformation

Vedi tutti i post di Alice Palumbo 28/11/2018
Alice Palumbo

Ho cominciato a fare impresa nel 2012 ed erano gli anni in cui il piccolo era il nuovo grande. Godin diceva “Small is the new big”.
Il mondo si affacciava a Internet e, di conseguenza, Internet si affacciava al mondo.
E lo cambiava. A una velocità fino ad allora impensabile.Improvvisamente l’utente veniva catapultato al centro della scena, da spettatore ad attore. Protagonista finalmente di una modalità di comunicazione a due vie. Proprio come nella vita reale.
Dopo...

read more...

La fidelizzazione divertente

Vedi tutti i post di Davide Carbonini 25/10/2018
Davide Carbonini
Ogni mattina un responsabile marketing si sveglia e sa che dovrà trovare un nuovo modo, sempre più efficace, di portare persone verso il proprio brand.
Una strategia che sta guadagnando particolare popolarità nell’ultimo periodo è quella della gamification. Di primo acchito il termine potrebbe far pensare a qualcosa di semplicistico, o di poco adatto ad un pubblico adulto; qualcosa insomma più per ragazzini che altro.
Gli obiettivi sono invece molto diversi tra loro, e complessi...

read more...