Ma che lavoro fai tu?!

Vedi tutti i post di Marina Busi 28/07/2017
Marina Busi
Ehm…

Difficile da spiegare, anche se in realtà nella pratica è molto semplice.
Noi Account, aka Project Leader, aka Project Manager, aka Capo progetto, facciamo tante cose, gestiamo i clienti.
Parliamo, soprattutto.
Via telefono, principalmente, e attraverso le mail. Un numero indefinito, indecifrabile, sconsiderato, di mail.
Lasciare traccia scritta, questa è la prima regola.
Ma quante volte mi sono trovata a dover spiegare il mio lavoro, senza riuscire a dirlo in una parola. “Beh lavoro in un’agenzia di comunicazione e io sono il referente che va dai clienti, che parla con l’esterno, e mette tutti i reparti dell’ufficio in connessione tra loro, in modo che tutti sappiano tutto, che i tempi vengano rispettati, che la produzione vada avanti".
Risposta: "um ok".
E alla fine tutte le volte ho anche pensato, “che noia Marina, non è che ti hanno chiesto di raccontare la tua giornata tipo”.
Perchè poi il...

read more...

Spesso una ricerca su Google ci sorprende con le sue intelligenti interpretazioni

Vedi tutti i post di Davide Carbonini 14/07/2017
Davide Carbonini
L'ampio tema della semantica web si mostra anche ai meno addetti ai lavori in tutta la sua semplice efficacia: dalle conversioni di valuta o di unità di misura in genere (temperatura, lunghezza, peso, ora, angoli, archiviazione digitale, velocità di connessione e molto altro ancora) ai calcoli matematici, anche complessi, il motore di ricerca preferito da tutti "capisce" cosa gli stiamo chiedendo e ci risponde "ragionando" un risultato, non solo elencando pagine web compatibili.
Probabilmente per ognuna di queste esigenze gli assidui utilizzano a ragione ben altri strumenti, ma quanti invece cercano saltuariamente "cambio dollaro" o "conversione gradi celsius fahrenheit" o "quanti cm sono 1 piede" per approdare su siti, magari anche zeppi di pubblicità, non sapendo che potevano chiederlo direttamente a google?

Fino a ieri mi ero accorto di calcolatrice e di convertitore di unità, ma ho scoperto che esiste anche i...

read more...

L'abc del copy Gli aggettivi sono la nostra ossessione: riusciamo a tradurre in decine di slide, fogli...

Vedi tutti i post di Alessandra Troncana 30/06/2017
Alessandra Troncana
L'abc del copy
Gli aggettivi sono la nostra ossessione: riusciamo a tradurre in decine di slide, fogli, e migliaia di battute un concetto che, altrimenti, si potrebbe esprimere in una riga e mezza. Il vizio di noi copy è la grafomania: il primo suggerimento è di non assecondarla. I contenuti vanno espressi senza sbavature, nel modo più incisivo possibile. Per scrivere, oltre a saper infondere il giusto peso a ogni sillaba, senza usare sostantivi a caso solo perché hanno un suono seduttivo, è importantissima la sintesi. Chiunque, prima di iniziare a schiacciare i tasti della tastiera, dovrebbe ricordarsi qualche regola.

1) Pensa: a cosa vuoi scrivere, al destinatario, alla forma che vuoi imprimere al
testo

2) Focalizza: prendi appunti, fai un piano, organizza il contenuto

3) Rigurgita: butta fuori senza inibizioni

4) Rileggi: meglio se ad alta voce, su un foglio stampato

5) Correggi e cancella: sistema gli erro...

read more...

Sono Daniela Ippolito, professione Media Planner… Ma cosa significa?

Vedi tutti i post di Daniela Ippolito 28/06/2017
Daniela Ippolito
Significa avere una visione d'insieme tutta rivolta verso un unico obiettivo. Obiettivo e target da raggiungere, con una penetrazione totale e incisiva, sono gli elementi focus di una strategia di pianificazione.
Per infondere il messaggio alla platea desiderata con efficacia e senza fraintendimenti bisogna saper sfruttare i media: tradizionali o nuovi, sono sempre più utilizzati e profilati.
La mia strategia prevede mezzi di comunicazione eterogenei cui ricorrere contemporaneamente, in modo da coinvolgere tutte le fasce di target identificate e stimolarle in maniera diversa.
Il lancio della pianificazione e la durata devono avvenire in un tempo ragionevole, stabilito in base all'obiettivo da raggiungere, per permettere un’adeguata pressione pubblicitaria e una frequenza adatta.
Fissati i mezzi e i periodi di uscita, contratto e acquisto gli spazi migliori per i miei clienti!

read more...

Instagram Stories Vs Snapchat Stories

Vedi tutti i post di Pietro Peduzzi 03/06/2017
Pietro Peduzzi

Continuano a spopolare anche nel Bel Paese i social che sempre più permettono di inserire contenuti fugaci, che durano 24 ore.
Primo fra tutti è stato Snapchat: la sua icona con il fantasmino giallo ha infatti fatto il giro del mondo, anche se la sua popolarità è stata soprattutto circoscritta negli States, vista la popolarità tra i giovanissimi utenti.

Il primo incubo per Snapchat arriva ad agosto 2016: Instagram Stories, un formato creato da Instagram su immagine e somiglianza di Snapchat.

Come funziona? Esattamente come Snapchat: è un contenuto della durata massima di 10 secondi in cui gli utenti possono scattare foto e video normali o boomerang modificandoli con l'inserimento di testi, emoticons; recentemente sono stati introdotti anche i filtri (ancora più di Snapchat!)…

E mentre il formato continua ad espandersi e ad assumere sempre più forme, gli utenti che lo utilizzano sono sempre di più. Al momento, per l’es...

read more...

#GeCo_Unicatt #2016/17

Vedi tutti i post di Davide Carbonini 28/09/2016
Davide Carbonini
????
Per tutte le matricole +GeCo Università Cattolica: quest'anno l'anno accademico inizia con una settimana "speciale", l'INTRODUCTORY WEEK, la prima settimana di lezione dal 3 al 7 ottobre.

• In questa settimana presenteremo il corso nel dettaglio e forniremo attraverso una serie di moduli ad hoc, una serie di competenze di base in vari ambiti disciplinari (marketing - informatica - video - immagine digitale - inglese ecc...). Qui trovate il calendario dell'introductory week: http://bit.ly/2cZUJsS

(Dalla settimana successiva, le lezioni riprenderanno il normale calendario accademico).

https://www.youtube.com/watch?v=fWY4KKAndS8&feature=youtu.be

read more...

Un'illuminante lettura soprattutto per marketer e project manager, più che per designer

Vedi tutti i post di Davide Carbonini 29/07/2016
Davide Carbonini

Molti preconcetti sono innanzitutto nelle persone che, nella catena produttiva, arrivano molto prima dello specialista di UX, e sono preconcetti tutt'altro che tecnici, tutt'altro che "paurosi", basta trovare pochi minuti e aver voglia di soffermarsi a fare qualche piccolo ragionamento.

Quanto i project manager sono consapevoli di quale sia il corretto iter? Quante volte sarebbero disposti a modificarlo per renderlo in linea con le esigenze del progetto?
I tempi stretti, le gare commerciali, l'apparente bisogno morboso di ottenere un cliente a tutti i costi per vendergli qualsiasi cosa spesso fanno perdere il punto di vista più importante (scendendo spesso a pessimi compromessi): quello sulla qualità del lavoro prodotto.
Ma per produrre lavoro di elevata qualità bisogna ancora prima averlo pensato, analizzato e progettato con qualità.
Una qualità che deriva soprattutto da quella del team, dei legami tra loro, dell...

read more...